««


26 MARZO 2014, GIORNATA SPECIALE "STOPBLANQUEO" AL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL GRANDE REPORTAGE D'ATTUALITA'


Al pubblico francese del Festival Internazionale del Grande Reportage d'Attualità, mostriamo le nostre storie di mafia e riciclaggio al nord perché il problema riguarda oggi tutti i Paesi europei, anche la Francia, visto che non vi sono luoghi al riparo dall'infiltrazione economica, soprattutto in tempi di crisi. Ma oggi, come ieri nel nord Italia, manca la consapevolezza nell'opinione pubblica, degli effetti e della gravità del fenomeno. Oltre ai confini italiani la mafia non esiste, un 'ndranghetista è un criminale comune, di qui la necessità di uniformare gli ordinamenti a livello europeo. Parleremo quindi anche della proposta di estendere la legislazione antimafia italiana a livello europeo, a partire dal 416 bis (reato di Associazione mafiosa del codice penale italiano), per poter chiamare la mafia per nome ad ogni latitudine.

LE INCHIESTE: "ANTICORPI", "416 BIS"
I cittadini di Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte hanno scoperto circa due anni fa e più o meno in contemporanea la colonizzazione 'ndranghetista nelle loro regioni. Fu un "tragico risveglio" per l'Italia del nord, dove le mafie hanno messo radici nel silenzio e sotto gli occhi di tutti. Riciclano i proventi dei traffici illeciti, si trasformano in attori economici rispettabili, hanno contatti con la politica a livello locale, contano sulla collaborazione di professionisti compiacenti, influenzano lo sviluppo economico delle zone interessate. Mostriamo tutto questo in due brevi documentari prodotti dalla Sezione Inchieste dell'Associazione Ilaria Alpi, dal titolo "Anticorpi" sul caso di Reggio Emilia e "416 bis" sull'infiltrazione in Lombardia e Piemonte.

IL DIBATTITO: "CRISI E MAFIA IN EUROPA"
Al dibattito che seguirà alla visione delle nostre inchieste partecipano Giovanella Scaminaci, Sostituto procuratore aggiunto a Catania, Fabrizio Calvi, scrittore e giornalista investigativo specializzato sugli affari della criminalità organizzata e i servizi segreti, Michela Monte, giornalista, ideatrice del progetto "Stop Blanqueo" e responsabile della Sezione inchieste dell'Associazione Ilaria Alpi, Maurizio Torrealta, giornalista d'inchiesta, scrittore e direttore della Scuola di Giornalismo internazionale della Fondazione Basso.